Assunzione lavoro intermittente (Art. 64) – CCNL Multiservizi

Condividi:

Il contratto di lavoro intermittente deve essere stipulato in forma scritta e contenere i seguenti elementi, in base alle vigenti disposizioni di legge, oltre a quanto previsto dall’art. 1 del presente CCNL:

  • indicazione della durata e delle ipotesi, oggettive o soggettive, in presenza delle quali è consentita la stipulazione del contratto;
  • luogo e modalità della disponibilità, eventualmente garantita dal lavoratore, e del relativo preavviso di chiamata del lavoratore, che in ogni caso non può essere inferiore a un giorno lavorativo;
  • il trattamento economico e normativo spettante al lavoratore per la prestazione eseguita e la relativa
  • indennità di disponibilità, ove pattuita, nei limiti di quanto previsto all’articolo successivo;
  • indicazione delle forme e modalità, con cui il datore di lavoro è legittimato a richiedere l’esecuzione della prestazione di lavoro, nonché delle modalità di rilevazione della prestazione;
  • i tempi e le modalità di pagamento della retribuzione e della indennità di disponibilità, ove presente;
  • le eventuali misure di sicurezza specifiche necessarie in relazione al tipo di attività dedotta in contratto;
  • il rinvio alle norme del presente articolo.

Prima dell’inizio della prestazione lavorativa o di un ciclo integrato di prestazioni di durata non superiore a trenta giorni, il datore di lavoro è tenuto a comunicarne la durata con modalità semplificate alla Direzione territoriale del lavoro competente per territorio nonché all’Ente Bilaterale territoriale mediante sms, fax o posta elettronica.