I Quadri nel CCNL Energia e Petrolio

Condividi:

Nei contratti collettivi nazionali del lavoro, i quadri sono le figure professionale ai vertici della piramide organizzativa. Hanno la maggiore esperienza e la massima responsabilità sull’operato di ogni dipendente dell’azienda. Per questo il CCNL Energia e Petrolio individua delle norme ad hoc per loro.

Chi sono i Quadri?

Stando ai livelli del CCNL Energia e Petrolio, la qualifica di quadro spetta al lavoratore è in possesso di:

  • pluriennale esperienza;
  • elevate competenze e conoscenze.

I quadri svolgono ruoli gestionali di “rilevante e fondamentale importanza”, ai fini dello sviluppo e dell’attuazione degli obiettivi dell’impresa. A seconda del settore (raffinazione, logistica, trading, commerciale, ecc.) i quadri ricoprono diverse mansioni, ma sempre di natura dirigenziale e gestionale.

Quanto guadagna un quadro nel CCNL Energia e Petrolio?

Gli stipendi del CCNL Energia e Petrolio sono fissati nelle tabelle retributive, rinnovate trimestralmente. Ai quadri spetta chiaramente il salario più alto: la paga, in particolare, varia a seconda del livello C.R.E.A. a cui fa riferimento il quadro.

Qui sotto una piccola tabella che riassume i salari minimi che spettano ai vari quadri del CCNL petrolio e energia:

Livello Quadro C.R.E.A.MinimiC.R.E.A.Totale
53.058,24453,263.701,50
43.058,24362,613.610,85
33.058,24271,963.520,20
23.058,24181,313.429,55
13.058,2490,653.338,89

Alla retribuzione dei quadri bisogna aggiungere anche:

  • un’indennità di funzione pari a 190,00€ l’anno;
  • gli scatti di anzianità;
  • eventuali altre voci di salario (straordinari, ecc.).

Articolo 56 – Quadri

Con la declaratoria del livello 1 dell’attuale sistema classificatorio, con specifica indicazione dei ruoli e degli apporti professionali di fondamentale rilevanza aziendale, si realizza compiutamente la normativa della Legge 190/85.

Le aziende promuoveranno interventi formativi e di aggiornamento professionali dei quadri per favorire adeguati livelli di preparazione e capacità professionale quale supporto delle responsabilità loro affidate.

In relazione a quanto previsto nella parte Relazioni Industriali, sia a livello dell’Osservatorio nazionale di settore che a livello di aziende e/o loro Aree di business, ai quadri verranno fornite informazioni su concetti e linee guida delle politiche che li riguardano. In modo particolare per quanto riguarda la formazione saranno fornite informazioni sui contenuti, sui programmi e sulle risorse.

Fermi restando i diritti derivanti dalle vigenti normative in materia di brevetti e di diritti di autore, previa espressa autorizzazione aziendale, al quadro è riconosciuta la possibilità di pubblicazione nominativa e di effettuazione di relazioni sui lavori compiuti dallo stesso in relazione alle specifiche attività svolte.

Tenuto conto della non applicabilità nei confronti dei quadri non turnisti della disciplina legislativa e contrattuale in materia di prestazioni straordinarie, le Parti si danno atto che, per i suddetti lavoratori, le rilevazioni giornaliere sulla presenza in azienda debbono intendersi effettuate ai soli fini della sicurezza.

Tuttavia, i lavoratori con qualifica di quadro, se espressamente richiesti dalle aziende di prestazioni lavorative in festività, in orario notturno oppure di sabato (o giornata corrispondente), hanno diritto ai compensi ed alle maggiorazioni previste per il lavoro notturno, festivo e straordinario.